GUARDA IL VIDEO

Tim Berners-Lee,
inventore del World Wide Web

TIM. Il futuro firmato Telecom Italia

Negli ultimi anni il nostro modo di comunicare è radicalmente cambiato. Forse non si può nemmeno più parlare di comunicazione, le nuove tecnologie infatti ci stanno portando verso un’era dove le connessioni tra gli individui sono più profonde e significative.
TIM, che da sempre è sinonimo di comunicazione, si trasforma radicalmente per diventare un’azienda la cui tecnologia consente alle persone di connettersi tra loro e comunicare. La campagna di lancio del nuovo posizionamento di TIM è nata per raccontare questo nuovo mondo connesso, attraverso il coinvolgimento di tre testimonial d’eccezione che presentano il loro punto di vista: Sir Tim Berners-Lee, Fabio Fazio e Pif.
Sir Timothy John Berners-Lee è un informatico britannico, inventore del World Wide Web e promotore di Internet come strumento di comunicazione per crescere sia dal punto di vista sia culturale che economico.
Nessuno meglio di lui, può raccontare come l’iper-connettività stia ridefinendo il modo in cui viviamo, aumentando le nostre possibilità ed evolvendo il nostro modo di relazionarci agli altri e al mondo che ci circonda supportando il nuovo concept di campagna.

Tim Berners-Lee
Il futuro è ciò che costruiamo. SIR TIM BERNERS-LEE,
L’INVENTORE DEL WORLD WIDE WEB

LA BIOGRAFIA DI TIM BERNERS-LEE

Sir Tim Berners-Lee ha inventato il World Wide Web nel 1989 mentre lavorava come ingegnere informatico al CERN, il laboratorio di fisica delle particelle a Ginevra, Svizzera. Tanti scienziati che partecipavano ad esperimenti al CERN tornavano poi nei loro laboratori in giro per il mondo. E una volta tornati, avevano la necessità di condividere risultati e dati, ma ai tempi era molto difficile. Sir Tim intuì questa necessità e capì che tutti quei computer che erano già connessi via internet, non stavano esplodendo appieno le loro potenzialità.
Sir Tim, descrisse ciò che sarebbe poi diventato il World Wide Web con un documento che proponeva una serie di tecnologie che avrebbero reso Internet davvero accessibile e utile a chiunque. Nonostante una prima battuta d’arresto e grazie alla sua perseveranza, nell’Ottobre del 1990 aveva descritto le tre tecnologie fondamentali che rimangono ad oggi la base fondante del Web (che sono quelle che appaiono sul tuo browser): HTML, URL e HTTP.
Tim Berners-Lee ha anche scritto il codice del primo editor/browser (“WorldWideWeb”) e del primo server Web (“httpd”). Alla fine del 1990, la prima pagina Web era on-line. Nel 1991, anche persone al di fuori del CERN si unirono alla community e nell’aprile del 1993, il CERN annunciò che la tecnologia del World Wide Web sarebbe stata disponibile per tutti senza diritti di utilizzo.
Da allora il Web ha cambiato il mondo, diventando verosimilmente il mezzo di comunicazione più potente che il mondo abbia mai conosciuto. Nonostante solo all’incirca un terzo della popolazione mondiale usi il Web (e lo scopo della Web Foundation è di accelerare considerevolmente la diffusione), esso ha drasticamente cambiato il modo in cui impariamo e insegniamo, compriamo e vendiamo, informiamo e ci teniamo informati, condividiamo e collaboriamo, ci incontriamo e innamoriamo e affrontiamo problemi che vanno dal mettere cibo sulle nostre tavole a curare il cancro. Nel 2007, Sir Tim ha riconosciuto che il potenziale del Web di portare cambiamenti positivi per miliardi di persone rimane inespresso. Annunciando la creazione della World Wide Web Foundation, Sir Tim dimostra ancora una volta la sua determinazione nel mantenere il Web uno strumento aperto, libero, accessibile e significativo dove le persone possono condividere coscienza, accedere a servizi, commerciare, partecipare al buon governo e comunicare in modo creativo.
Laureato alla Oxford University, Sir Tim insegna al Massachusetts Institute of Technology come Professore di ingegneria e come professore aggiunto nel Dipartimento di Ingegneria Elettrica e Scienze Informatiche al CSAIL. È professore di Scienza Elettroniche e Informatiche all’Università di Southampton, Direttore del World Wide Web Consortium (W3C) e autore di “Weaving the Web” e di molte altre pubblicazioni.

Guarda lo spot con
Fabio Fazio

Guarda

Social Stream